Sulutumana

Appeso per la luna

Sulla cresta di un vulcano sto nel tardo pomeriggio
Ed aspetto di partire su una luna di passaggio
Su nel pozzo della notte dove la fortuna veglia
E nasconde un gatto nero proprio sotto la vestaglia

La la la la la la la la

Tra la vita di sfuggita dei banditi e degli amanti
Funambolici sonnambuli percorrono grondaie
Dal cilindro della notte incantesimi e magie
Botte, fuochi di mignotte, mostri di periferie

E ci sono io qua sopra che sto appeso per la luna
Ho girato mezzo mondo dalla sera alla mattina
C’è una musica lontana è il silenzio che la suona
Me ne vado canticchiando un’idiota canzoncina

La la la la la la la la

Per la strada c’è chi piscia c’è chi va a passo di sbronza
C’è qualcuno che si struscia c’è chi coglie già l’essenza
C’è un villaggio tramortito, pillole sui comodini
Lampi blu di polizia e semafori arancioni

C’è una nota tra le dita c’è una frase per la testa
C’è una rotta verso l’alba c’è bonaccia c’è tempesta
C’è la chiave c’è la porta c’è la fine del viaggio
C’è un lenzuolo c’è una donna, l’illusione di un miraggio

La la la la la la la la

E ci sono io qua sopra che sto appeso per la luna
Ho girato mezzo mondo dalla sera alla mattina
C’è una musica lontana è il silenzio che la suona
Me ne vado canticchiando un’idiota canzoncina

La la la la