Sulutumana

Farfala sucullo

C’è una canzone nel mio cappello
E c’è una storia da raccontare
C’è una moneta nella mia mano
E una farfalla sul mio sedere
Mia madre un giorno davanti al mare
Guardò le onde e si mise a pensare
Anche le onde son zingare e vanno
Di sponda in sponda di mare in mare
Anche i pensieri son zingari e intanto
Alzò la gonna e si mise a pisciare

E venne un uomo, un principe bianco
Che la sorprese col culo di fuori
E fu così che le corsi incontro
Avrò i capelli bruciati dal sole
Avrò una bella camicia bianca
E una farfalla appesa al sedere
E ad ogni passo avrò il vento vicino
Ad ogni passo del mio cammino
E ad ogni passo avrò il vento vicino
Ad ogni passo del mio cammino

C’è una canzone nel mio cappello
Io sono quello di farfala sucullo
La mia farfalla non può volare
E se ne sta appiccicata al sedere
Quando mi siedo e la schiaccio non muore
Per me e per lei vado in cerca di un fiore
Su cui posarmi e giocare all’amore
La mia farfalla è la meglio migliore
E se son zingare le onde del mare
E se i pensieri son zingari, allora

La mia farfalla è più zingara ancora
E’ come il bosco dove sono nato
E’ come legno di carro bruciato
Io non la posso vedere… peccato
C’è una canzone nel mio cappello
Io sono quello di farfala sucullo
C’è una moneta nella mia mano
Sul mio didietro c’è un talismano
E ad ogni passo avrò il vento vicino
Ad ogni passo del mio cammino