Sulutumana

Album

Questo brano fa parte degli album:

Il forestiero

Ecco, tra terra e acqua, si disegnano nuvole

Stupidi presagi sopra la testa

Cassaforte di silenzi la bocca

 

Ecco, tra incenso e oro, una stella che se ne va

Mormorare di preghiere all’altare

E ridicoli peccati confessare

 

Vigilia di Epifania, cielo trafitto dal campanile

Ragazzi scendono fino al pontile

Bevono vino e ridono

 

Ecco, tra fame e pane, luci e voci di un’osteria

Meglio mettere a tacere la pancia

Giusto i soldi per pagare, poi si vedrà

 

Ecco, tra fumo e occhi, tra l’inganno e la realtà

Dentro al buio c’è una strada per perdersi

C’è una stanza vuota per nascondersi

 

Note fantasma di un vecchio walzer, mani di ladro le suonano

Adesso nevica sopra la musica

A volte sfugge la logica

 

Ecco, tra fuoco e festa, tutti cantano e ballano

Tra le guardie il forestiero cammina

Curvo verso l’alba si allontana